Perturbazioni invisibili, opera di Darius Tred, copertina ufficiale.

Era tutto: polvere di oridio, infuso di commiphora e aloe, ed essenza di boswellia.
Quella mistura, la cui origine si era persa nella notte dei millenni, avrebbe fatto presto il suo effetto. La luna, già alta nel cielo, doveva solo completare con la sua consueta influenza quanto necessario per la seduta ipersensoriale.
Mary Ann guardava con attenzione e riverenza gli ingredienti che stava maneggiando con cura e amorevolezza. Ripeteva quel piccolo rito con la stessa calma e pazienza con cui l’aveva visto fare per la prima volta dal loro maestro. Era molto importante, le aveva sempre raccomandato, anche lo spirito con cui si procedeva alla preparazione. Era fondamentale mantenere una concentrazione mentale con la quale focalizzare pensieri positivi. Il pensiero è energia, le aveva insegnato. E, come tale, è in grado di interagire con la nostra quotidianità. Solo il pensiero positivo, quindi, poteva trasformarsi in energia positiva. E anche quella, oltre all’influenza lunare, contribuiva a plasmare efficacemente la mistura del maestro per ottenere il balsamo perfetto. La buona riuscita della seduta dipendeva in buona parte anche dall’energia positiva che si era capaci di infondere durante tutte le fasi di preparazione. Era per quel motivo che la preparazione stessa cominciava sempre con una lunga meditazione per raggiungere innanzitutto una pace e una serenità interiore. Serviva grande esperienza per farlo, soprattutto quando la seduta ipersensoriale veniva fatta per interpretare scenari carichi di negatività come eventi di guerra.
Mary Ann sapeva che durante la seduta, a un certo punto, la positività che cercava di trasmettere mentalmente al balsamo che stava preparando avrebbe dovuto fare i conti, in un certo senso, con la negatività dei soggetti che avrebbero partecipato alla seduta stessa, negatività che sarebbe emersa dai loro sogni e dalle loro menti sovraeccitate sotto forma di paure, ansie, attriti. A volte anche sotto forma di rabbia inconscia. Mary Ann pensava soprattutto a Morgan, il soggetto più difficile da gestire. Abbozzò un sorriso quasi materno a quel pensiero: non poteva essere altrimenti, dopotutto. Morgan era il supervisore massimo della loro piccola comunità, la loro guida, l’erede naturale del maestro. Dopo tutti quei secoli era naturale che avesse accumulato tante ansie e paure. Per non parlare della seconda guerra mondiale. Una autentica ferita aperta. Ora però Morgan sembrava averla superata. O almeno sperava. Mary Ann tornò a concentrare i suoi pensieri sul balsamo: era quasi pronto. Ora doveva solo farlo riposare.
Si voltò a guardare la fonte.
Una conca semisferica di pietra grezza, del diametro di poco più di un metro, custodiva il docile gorgoglio di una piccola sorgente di acqua tiepida. Lo spazio concavo della conca era interamente rivestito di ametista. L’acqua pura ricopriva quasi tutte le asperità del cristallo generando una miriade di riflessi blu e violacei e dando l’impressione di osservare una enorme coppa.
Attorno alla fonte erano disposti circolarmente i lettini di vimini su cui si sarebbero sdraiati i partecipanti. I lettini erano disposti in maniera tale da permettere, una volta sdraiati, di mantenere la testa posata molto vicina alla coppa di ametista. Il cristallo, noto fin dall’antichità per i suoi effetti benefici sui sogni, era particolarmente efficace anche per favorire la chiaroveggenza. L’acqua pura era in grado di potenziarne gli effetti. Il balsamo preparato da Mary Ann li avrebbe ulteriormente amplificati. Con l’immersione di quest’ultimo, inoltre, si sarebbe presto diffuso un forte profumo di incenso e con esso una sorta di nebbia fresca e avvolgente, pronta per essere inalata.
Tutto era quindi pronto.
I partecipanti non avrebbero dovuto fare altro che bere una parte dell’infuso di commiphora e aloe. E sdraiarsi. Il sonno vivido li avrebbe presto colti e, con esso, la superconduttività sensoriale non avrebbe tardato a manifestarsi.
Il futuro era pronto per essere nuovamente scrutato.

( Estratto da Perturbazioni invisibili )

Estratti e approfondimenti

Heisenberg La figura di Werner Heisenberg giganteggia nella storia della fisica del XX secolo. In particolare è legata alla meccanica quantistica, vera nuova fro...
Trading ad alta frequenza Una delle tematiche cui ho voluto dare accenno in questo racconto è il cosiddetto trading ad alta frequenza. Come probabilmente si può intuire dalla d...
Pannocchie scomparse Negli altri campi le pannocchie erano intatte. Le piante ne erano piene e sembravano non aspettare altro che essere falciate. Era ormai tardo pomerig...
Liquido impossibile «Questo liquido presenta caratteristiche impossibili. Se me lo avessero descritto avrei detto che un liquido con simili peculiarità chimico-fisiche no...
Oridio e dintorni In alcuni miei racconti viene citato un materiale che si chiama "oridio". Naturalmente si tratta di un materiale inventato all'interno della mia finzi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *