Gli erboristi di Siena, opera di Darius TredRipercorrendo mentalmente i miei romanzi e racconti, mi sono accorto di essere piuttosto fissato con gli alberi. Ne Gli erboristi di Siena gli alberi sono decisamente protagonisti: faggi, noci e salici. Gli erboristi li posizionavano in cerchio e attorno componevano orti molto particolari per… be’, non è che posso dire proprio tutto. Ne I Piccoli enigmi nascosti nel bosco, tutto comincia con la misteriosa scomparsa di una quercia. La fata fuggita, che fin dall’incipit è ambientato nel giardino di un castello, a un certo punto parla di alberi giganteschi molto particolari. E ancora: tra i racconti, Una domanda nella notte vede ancora un albero come protagonista. Il rito incompiuto ? Viene abbattuto un albero e sotto vi trovano un… lasciamo stare. Avventura nissena ci porta nel cuore della Sicilia dove, tempo fa, esistevano tre alberi maestosi e magici.

Va bene, lo ammetto. Mi piacciono gli alberi. In una vita precedente, devo essere stato uno scoiattolo.

Tornando a Gli Erboristi di Siena, tra i vari libri che ho letto lasciandomi poi ispirare nell’intreccio, vi è L’incredibile viaggio delle piante, di Stefano Mancuso. Un saggio molto curioso e che ho trovato godibilissimo (ma io sono di parte, visto che sono fissato con gli alberi…): storie (vere) di alberi unici in giro per il mondo. La storia che più mi ha colpito (e che riporto ne Gli Erboristi di Siena) è quella che parla degli Hibakujumoku, di cui, nel mio RetroBlog, riporto l’estratto.

2 thoughts on “Alberi e ancora alberi

  1. Uno scoiattolo… Cip, Ciop e Darius!
    Gli alberi possono essere piccoli, apparentemente fragili ma resistenti più di tante vite umane. Possono essere maestosi e quasi indistruttibili. Non si muovono, assistono impotenti, o così crediamo, a ciò che li circonda. E sono silenziosi, chissà quali incredibili segreti nascondono…

    1. Io mi son fatto l’idea che siano immortali. Certo, ci vorrebbe che nessuno li disturbasse. Come successo per quei quattro/cinque alberi in giro per il mondo che hanno quasi 5000 anni di vita…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *